Wimbledon ha finalmente aggiornato il suo codice di abbigliamento di epoca vittoriana per supportare meglio le donne atlete

Gli atleti hanno chiarito che sono pronti ad aggiornare le tradizioni secolari dei campionati di tennis di Wimbledon, in particolare quelli che colpiscono sproporzionatamente le donne atlete, incluso il codice di abbigliamento. La rigorosa regola di Wimbledon su un codice di abbigliamento completamente bianco è in circolazione dall’era vittoriana, ma dopo che gli ex giocatori attuali la scorsa estate hanno parlato delle loro preoccupazioni del periodo, la regola dei vestiti bianchi è stata aggiornata.

Nel tentativo di ridurre l’ansia durante il ciclo mestruale di un atleta, il rigoroso codice di abbigliamento di Wimbledon – che impone, ad esempio, che “il bianco non include il bianco o la crema” e “un singolo rivestimento di colore attorno alla scolla Le maniche sono accettabili ma non devono essere più ampie di un centimetro “- ora consentirà alle concorrenti di indossare posti di medio-medio-scuro, a condizione che non siano più lunghi dei pantaloncini o della gonna del giocatore.

Gli organizzatori di Wimbledon hanno dichiarato in una dichiarazione che la nuova regola segue le discussioni con la Women’s Tennis Association, i produttori di abbigliamento e le squadre mediche su come “meglio sostenere donne e ragazze in competizione ai campionati”. Sally Bolton, amministratore delegato di All England Club (dove si tiene Wimbledon), ha aggiunto: “spera che questo aggiustamento delle regole aiuti i giocatori a concentrarsi esclusivamente sulla loro prestazione alleviando una potenziale fonte di ansia”.

Ironia della sorte, il codice di abbigliamento tutto bianco era originariamente applicato perché qualsiasi segno di sudore era considerato “maleducato o improprio”. È difficile non alzare gli occhi a quel pensiero se consideri il vero volto dei giocatori del sangue mestruale che si mostra attraverso il loro skort. “Non riesco a immaginare di andare nel più grande giorno della mia vita, con il mio periodo, ed essere costretto a indossare il bianco”, ha detto l’emittente del tennis Catherine Whitaker in un’intervista con il Telegraph. L’ex tennista e campionessa olimpica Monica Puig ha twittato in risposta al discorso, commentando lo stress di indossare il bianco mentre giocava in un torneo.

Sicuramente qualcosa che colpisce le atlete femminili! Finalmente portarlo all’attenzione di tutti! Per non parlare dello stress mentale di dover indossare tutto il bianco a Wimbledon e pregare per non avere il ciclo durante quelle due settimane. https://t.co/pzyhnpsjk

– Monica Puig (@MonicaAce93) 31 maggio 2022

Prima che fosse aggiornato, il codice di abbigliamento ha completamente ignorato i periodi di impatto possono avere sugli atleti, sebbene l’uniforme di Wimbledon non sia l’unica cosa che ha un impatto
donne atlete in modo sproporzionato. I giocatori possono lasciare il campo due volte per andare in bagno durante una partita (mentre le squadre raddoppiate devono condividere il loro numero assegnato di pause). La limitazione delle pause del bagno durante Wimbledon evidenzia ulteriormente come i periodi non vengono presi in considerazione durante il torneo. La mancanza di riconoscimento significa che gli atleti devono inventare le proprie soluzioni alternative, come indossare cuscinetti aggiuntivi o utilizzare strategicamente tamponi di dimensioni più grandi o il controllo delle nascite solo per prendersi cura della loro salute riproduttiva.

Leggi anche  Un record di 12 donne sono state selezionate per le posizioni di allenatore della NFL in questa stagione

L’anno scorso, il tennista Qiwen Zheng ha aperto il modo in cui i crampi mestruali hanno influenzato le sue prestazioni. Dopo la devastante perdita di Zheng contro IGA Swiatek negli Open di Francia, disse ai giornalisti: “Non posso giocare a tennis, (il mio) stomaco era troppo doloroso”, per CNN. “Vorrei poter essere un uomo in campo … Quindi non dover soffrire … il mio mal di stomaco. Penso che potrei godermi di più, come correre meglio e colpire più duramente”, ha continuato dire.

Il tennista britannico, Heather Watson, ha detto alla BBC Sport che mentre ama l’elemento tradizionale di indossare il bianco, pianificare il suo ciclo intorno al torneo può essere stressante e “fastidioso”. Disse: “Probabilmente andrò sulla pillola solo per saltare il mio periodo per Wimbledon. Questo è il processo di pensiero e le conversazioni che le ragazze hanno al riguardo.”

Le donne atlete non sono le uniche che trovano il codice di abbigliamento troppo severo. I giocatori di tennis Andre Agassi, Roger Federer e Rafael Nadal hanno espresso frustrazione spingendo i confini su ciò che indossano: Agassi è arrivato al punto di boicottare Wimbledon tra il 1988 e il 1990 per chiarire la sua posizione. Tuttavia, gli argomenti di questi giocatori riguardavano la libertà di espressione stilistica piuttosto che motivi di salute.

La risposta e il cambiamento del codice di abbigliamento di Wimbledon sono solo un passo verso un ambiente più inclusivo per i giocatori di tennis professionisti.

Fonte dell’immagine: Getty / Julian Finney