Le vendite di cookie per ragazze scout sono andate via in digitale e non mi aspettavo questo backlash

L’anno scorso mia figlia è diventata una ragazza scout e la cosa più dolce di essere una ragazza scout, come tutti sappiamo, sono i biscotti. Almeno questo è quello che pensavo prima di rendermi conto che un bambino di 6 anni non ha esattamente le competenze per gestire una piccola attività di prodotti da forno. È stato un sacco di lavoro, soprattutto per me, perché posso davvero fare matematica e guidare. Per la maggior parte, doveva solo apparire adorabile nel suo vestito Daisy.

Mio marito, che lavora nelle vendite, era piuttosto entusiasta dell’intero processo. Era determinato a far sì che potessimo aiutarla a vendere il maggior numero di scatole possibile, un’idea che ho rapidamente messo sul kibosh spiegando che, a meno che non volesse fare tutto il lavoro, dovremmo mirare più vicino alle 35 caselle che la sua truppa aveva impostato come il suo obiettivo di vendita. Grazie a Dio ha accettato, perché puoi indovinare chi ha fatto in modo che tutte quelle scatole arrivassero alle loro rispettive case (suggerimento: ero io).

Keebler Now fa unicorno Fudge Stripes Cookie che sono aromatizzati al cupcake, e prendi la mia pancia

Quindi quest’anno, quando la nostra truppa ha spinto tutti a iscriversi alla piattaforma di vendita di cookie digitali di Girl Scouts, ero tutto dentro. È super facile da usare. Ho caricato un’immagine di mia figlia, una breve presentazione personale e un obiettivo di vendita dei cookie, e ha creato il suo sito Web “Cookie World”, che ho inviato via email ad amici e parenti. Attraverso la pagina, potevano ordinare dei biscotti da consegnare personalmente o consegnarli direttamente alle loro case, un’opzione superlativa per i nostri familiari fuori dallo stato. Le vendite vennero immediatamente a galla. . . come hanno fatto i reclami.

Leggi anche  Anne Hathaway è uno sport abbastanza buono a proposito di ospitare gli Oscar con goffa James Franco

“Tanto per il vecchio modo di indossare le uniformi e di andare di casa in casa e imparare cos’è il rifiuto!” un membro della famiglia ha risposto. Non ero sicuro se il commento dovesse essere divertente o tagliente. Un altro ha scritto che avevamo rinunciato all’illusione che nostra figlia fosse responsabile delle sue vendite di biscotti da quando avevo ovviamente creato il suo sito. Un altro ha richiesto un video da mia figlia prima che lei facesse un ordine (quel video ha impiegato 45 minuti del mio tempo e circa 25 riprese, ma grazie per l’ordine Thin Mint, Linda).

All’inizio, sono rimasto sorpreso dal feedback negativo, ma alla fine l’ho capito. I biscotti Girl Scout sono stati storicamente acquistati e venduti in un modo specifico. O hai una Girl Scout e colpisci tutti quelli che conosci, compresi amici, vicini di casa, colleghi di lavoro e ogni familiare lontano, o vuoi i biscotti e spero che tu venga avvicinato da una Girl Scout o dai suoi genitori o che passi attraverso uno stand fuori dal negozio. Il prodotto è in qualche modo onnipresente nella cultura e scarso nella vita di chiunque non sia un genitore di uno studente di scuola elementare, e questo li rende più desiderabili.

L’aggiunta di un sito Web, che può essere facilmente inoltrata a chiunque, rimuove due elementi chiave che si aggiungono al fascino dei cookie di Girl Scout. Uno, li fa sentire più facili da ottenere. E in secondo luogo, toglie l’aspetto da bambino-come-biscotto che è probabilmente sempre stato una farsa (quanti bambini sotto i 10 anni stanno effettivamente vendendo tutti i loro biscotti?), Ma è stato piuttosto irresistibile dal punto di vista della carineria e delle vendite.

Leggi anche  The Total Runtime of Black Mirror: Il filmato di Bandersnatch è molto più lungo di quanto pensi

Quindi, sì, ho capito. Ma questo non significa che incoraggerò mia figlia a tornare al vecchio modo di vendere i biscotti. Illusioni e opinioni vanno condannate; stiamo prendendo la strada facile e rimanendo digitali.

Fonte immagine: utente di Flickr punteggiato