Lost Girls: la storia di Mari Gilbert ha un finale ancora più tragico di quello che mostra Netflix

In Netflix Lost Girls, Mari Gilbert inizia a scoprire cosa è successo alla figlia scomparsa Shannan, che credeva fosse stata assassinata a Long Island, New York. La storia vera ruota attorno al serial killer di Long Island dalla fine degli anni ’90 ai primi anni 2000, anche se il caso non fu mai risolto e la morte di Shannan non fu mai confermata come collegata agli omicidi. Tuttavia, il film ha caratterizzato Mari, le mamme e le sorelle di altre vittime di omicidio e il modo in cui hanno esercitato pressioni sul dipartimento di polizia e sui media affinché lavorassero sul caso. Poiché le vittime dell’omicidio erano tutte prostitute, inclusa Shannan, la polizia ha impiegato mesi per approfondire ciò che stava accadendo.

Mari continuava a combattere in nome di sua figlia, determinata a trovare il suo corpo e, si spera, a scoprire cosa le era successo. Il corpo di Shannan fu infine ritrovato in una palude un anno dopo la sua scomparsa, e sebbene la polizia originariamente affermasse di credere che fosse finita e affogata, un’autopsia mostrò che era potenzialmente strangolata. Era un po ‘la chiusura che Mari stava cercando, ma sfortunatamente la sua vita ha preso una svolta in peggio solo pochi anni dopo.

Mari ha avuto altre tre figlie, Sherre, Sarra e Stevie, che hanno anche affrontato il trauma della perdita di Shannan. Sebbene il corpo di Shannan sia stato trovato nel 2011, Sarra stava lottando con i suoi problemi prima. Robert Kolker, il giornalista che ha scritto il libro su cui si basa il documentario, ha scritto in un saggio per The Cut che Sarra ha abortito a 14 anni, ha abbandonato la scuola a 16 anni e ha avuto un bambino con un ragazzo più grande. Ha attraversato una relazione violenta con il suo ragazzo e ha fatto affidamento su Mari per chiedere aiuto. Poiché era già in uno stato mentale così vulnerabile, quando il corpo di Shannan fu trovato nel 2011, Sarra praticamente si ruppe.

Leggi anche  L'autrice Queenie, Candice Carty-Williams, diventa la prima donna nera a vincere il premio per il libro dell'anno

Sarra iniziò ad avere delusioni, incluso il pensare che i suoi cari fossero posseduti dai demoni. Kolker ha scritto che Sarra ha attaccato sua madre e Sherre nel 2014 dopo aver pensato che fossero demoni. Trascorse del tempo dentro e fuori dagli ospedali per mesi e le fu diagnosticata la schizofrenia. Il suo bambino è stato rimosso dalle sue cure e alla fine Sarra ha smesso di prendere le sue medicine e invece si è appoggiata a droghe illegali, secondo Kolker.

Il 23 luglio 2016, Sarra chiamò sua madre e le disse che sentiva delle voci e aveva bisogno di aiuto. Quando è arrivata sua madre, Sarra l’ha pugnalata e poi picchiata con un estintore, uccidendola sul posto. È stata giudicata colpevole in tribunale, nonostante i suoi avvocati abbiano presentato una richiesta di follia. Né Sherre né Stevie sono stati testimoni del personaggio di Sarra in tribunale, e sta scontando una condanna a 25 anni.

Fonte immagine: Everett Collection