Il primo presunto omicidio di Ted Bundy è ancora più terrificante di quanto pensi

I veri documentari sul crimine sono una delle più grandi tendenze nel cinema e nella televisione di saggistica in questo momento, e Netflix ospita una vasta gamma di storie raccapriccianti e spesso incredibili. Ma l’ultima offerta della piattaforma di streaming potrebbe essere la più terrificante, ancora più strana fiaba. Conversazioni con un Killer: i Ted Bundy Tapes ha debuttato su Netflix il 24 gennaio, con filmati d’archivio e interviste reali a uno dei serial killer più famosi e a sangue freddo della storia.

La miniserie documentaria, distribuita in quattro episodi, non include solo le riprese del killer stesso, ma delle persone che sono state colpite dalla terrificante criminalità criminale negli anni ’70. È impossibile e orribile persino cercare di capire la mentalità di un assassino come Bundy, e ci si deve chiedere come qualcuno inizi a trasformarsi in questo tipo di criminale. A seconda delle fonti che chiedi, è del tutto possibile che il primo crimine violento di Bundy sia stato commesso in giovane età e con una vittima ancora più giovane.

Una delle parti più orripilanti della follia omicida di Bundy è che non sapremo mai il vero conteggio delle vittime. Bundy ha incoraggiato la speculazione su omicidi che potrebbero essere stati attribuiti a lui ma non sono mai stati confermati e mai nel suo conteggio di confessione. Tra i crimini per cui fu sospettato, ma mai formalmente accusato o condannato, fu l’omicidio di Ann Marie Burr. Se lei era davvero la sua prima vittima, come alcuni sospetti, allora è davvero terrificante – perché aveva solo otto anni e Bundy aveva solo quattordici anni.

Burr scomparve da casa sua nella loro città natale, Tacoma, il 31 agosto 1961. A quel tempo, la casa di Burr era riferita sul percorso di consegna del giornale di Bundy, e suo padre in seguito giurò di aver visto Bundy in un fosso vicino. Bundy era implicato da considerevoli prove circostanziali, ma non fu mai abbastanza per confermare in modo affidabile il suo coinvolgimento, e scrisse persino una lettera alla famiglia Burr nel 1986, negando completamente qualsiasi parte della scomparsa e morte di Ann Marie Burr. Fino ad oggi, il crimine di Burr rimane uno di quelli che alcuni esperti ritengono che Bundy abbia commesso, mentre altri pensano che sia meno probabile.

Leggi anche  La squadra di ballo di quel video virale di Harry Potter ha appena ottenuto un punteggio perfetto per questa routine

Tutti i dettagli agghiaccianti di Crimini orribili e inimmaginabili di Ted Bundy

In qualche modo, tuttavia, questo crimine si accorderebbe con alcuni di ciò che Bundy ha confessato. Il detective della Omicidi Robert D. Keppel ha pubblicato (e in seguito aggiornato) più memorie delle sue interviste con Bundy, e in una, The Riverman: Ted Bundy e I Hunt per il Green River Killer, ha riferito che Bundy gli ha ammesso che c’erano omicidi che non avrebbe mai ammesso, perché erano “troppo vicini a casa … troppo vicino alla famiglia … o alle vittime che erano molto giovani”. Anche se Bundy ha negato direttamente l’uccisione di Burr, il suo omicidio corrisponderebbe a quei criteri dei crimini che Bundy ha tenuto segreto.

Il primo crimine confermato di Bundy non sarebbe arrivato prima di tredici anni dopo, il 4 gennaio 1974. Karen Sparks, all’età di 18 anni, fu randellata e aggredita dopo che Bundy entrò nel suo appartamento. Sopravvisse, anche se con gravi ferite permanenti. Nel febbraio dello stesso anno si era verificato anche il suo primo omicidio confermato. Alla fine, Bundy ha confessato almeno 30 crimini, ma la maggior parte crede che il vero riscontro sia molto più alto di quello. Forse è questo inquietante senso di mistero che mantiene le persone affascinate nel vero genere del crimine, anche decenni dopo che i crimini hanno fatto notizia.

Conversazioni con un Killer: i Ted Bundy Tapes è in streaming su Netflix ora, e Estremamente malvagio, incredibilmente malvagio e vile, un film biografico con Zac Efron, è previsto nelle sale quest’anno.

Fonte immagine: Getty / Bettmann