La vera storia dietro la caccia all’uomo è ancora più inquietante

ITV caccia all’uomo far parlare tutti, in particolare perché il dramma reale è basato su eventi reali. Il three-parter, visto da 9 milioni di persone, descrive la vera storia di come il detective Chief Inspector Colin Sutton (interpretato da Martin Clunes) portò in giustizia il serial killer Levi Bellfield per l’omicidio di giovani donne nel Surrey e nel sud-ovest di Londra nei primi anni 2000s. Il detective ha anche pubblicato un libro di memorie sull’indagine, e ha detto ai Radio Times che tutto ciò che hanno fatto è stato fatto con “una completa rivelazione alle famiglie delle vittime”. Clunes ha anche detto che era “di fondamentale importanza” per lui rispettare la memoria delle vittime. Ecco i dettagli di ciò che è accaduto nel caso.

Cosa è successo alle vittime?

Milly Dowler era una studentessa di 13 anni quando fu assassinata nel marzo 2002. Fu rapita quando tornò a casa da una stazione ferroviaria nel Surrey dopo la scuola. Fu strangolata e il suo corpo fu ritrovato sei mesi dopo, a 25 miglia di distanza, nell’Hampshire.

Marsha McDonnell era una studentessa di 19 anni in un anno sabbatico quando è stata assassinata nel febbraio 2003. Era stata di notte al cinema con gli amici e stava tornando a casa dalla fermata dell’autobus a Hampton. È stata uccisa colpendo la testa con un martello.

Amelie Delagrange era una studentessa francese di 22 anni quando fu assassinata nell’agosto del 2004. Aveva trascorso una serata fuori con gli amici e aveva perso la sua fermata dell’autobus, così stava camminando verso casa attraverso Twickenham Green. Fu colpita sulla testa con un martello, il suo corpo lasciato sul Green.

Leggi anche  Alexandria Ocasio-Cortez offre un discorso brillante alla Marcia femminile: "This Is About Justice"

Tre mesi prima, la diciottenne Kate Sheedy è stata investita mentre attraversava la strada di Isleworth dopo essere scesa da un autobus nel maggio 2004. Ha subito lesioni multiple e fu ricoverata in ospedale per diverse settimane. Ha fornito prove contro Levi Bellfield nel 2008, quando fu processato per il suo tentato omicidio.

Come l’inchiesta ha avuto il suo inizio

I casi di Milly e Marsha rimasero irrisolti al momento dell’omicidio di Amelie, che fu coinvolto quando l’ispettore capo Colin Sutton fu coinvolto. Poteva vedere le somiglianze con l’omicidio di Marsha e credeva che la loro migliore possibilità di risolvere i crimini sarebbe stata quella di concentrare le loro indagini sulla ricerca di un sospetto per la morte di Amelie. Poi lui e il suo team hanno potuto guardare indietro agli altri casi per vedere se il sospettato li soddisfaceva.

Come è stato trovato l’assassino di Amelie

CCTV è stato cruciale nel risolvere il caso. La squadra di Sutton ha cercato ogni pezzo di filmato della CCTV per miglia intorno a Twickenham Green, e ne ha guardato 2.000 ore, che includevano riprese di Amelie sull’autobus. Una svolta arrivò quando i filmati presi da telecamere esterne su autobus in transito mostrarono un furgone bianco che arrivava al green poco prima che Amelie venisse uccisa. Non potevano rintracciare il furgone vero e proprio, ma una donna suggerì al suo ex fidanzato, Levi Bellfield, (che possedeva un furgone bianco) come potenziale sospetto. È stato trovato nascosto nel suo loft e arrestato nel novembre 2004.

Come sono stati collegati i casi

Sono stati anche utilizzati filmati CCTV con il caso di Marsha. Come nel caso del caso Van Amelie, era un veicolo che lo collegava anche al tentato omicidio di Kate, poiché emerse che possedeva una Toyota Previa con finestrini oscurati – il tipo di veicolo che la investiva.

Leggi anche  Ariana Grande suscita il dramma nel video per "rompere con la tua ragazza, sono annoiato"

Nel novembre 2004 gli investigatori scoprirono che Bellfield aveva già vissuto al largo di Station Avenue a Walton sul Tamigi – la strada da cui Milly era stata portata. Dissero alla polizia di Surrey che Bellfield poteva essere un sospetto in quella indagine. Di nuovo, fu un veicolo che si rivelò vitale nel collegare Bellfield al crimine.

Il giorno prima che Milly venisse rapita nel marzo 2002, alla studentessa Rachel Cowles fu offerto un passaggio a casa da un uomo nella sua macchina rossa a Shepperton. Una macchina della polizia che lo precedeva lo spaventò e sua madre Diane Cowles riportò l’incidente alla polizia. Nel maggio 2005, Diane vide un appello televisivo della polizia per una macchina rossa Daweoo vista sulla CCTV vicino a dove Milly era stata vista l’ultima volta, e disse alla polizia di Surrey delle somiglianze con l’incidente della figlia.

Quando sono state fatte le condanne

Bellfield è stato incriminato nel marzo 2006 e poi condannato nel febbraio 2008 per aver ucciso Amelie e Marsha e aver tentato di uccidere Kate. Fu condannato all’ergastolo e disse che non sarebbe mai stato rilasciato. Nel marzo 2010, è stato accusato di aver ucciso Milly, poi condannato nel giugno 2011.

A gennaio 2016, secondo quanto riferito, Bellfield ha ammesso di aver rapito, violentato e ucciso Milly, in una confessione durante l’inchiesta per sapere se aveva un complice. In seguito ha negato di confessare.

Fonte immagine: Getty