Tutto quello che c’è da sapere sull’attrice di fama mondiale all’Oscar Marina de Tavira

Si è svolto nei primi anni ’70 a Città del Messico, su Netflix Roma è una presa semibiografica sulla vita del regista premio Oscar Alfonso Cuarón (che ha anche prodotto, coeditato e girato il film), dopo un anno formativo nella vita di una famiglia della classe media e della loro governante dal vivo. Il film ha permesso a Netflix di ottenere la sua prima nomination all’Oscar come miglior film (insieme ad altre nove nomination, tra cui miglior regista, miglior sceneggiatura originale e migliore cinematografia).

Yalitza Aparicio, che fa il suo debutto nel film come Cleodegaria “Cleo” Gutiérrez, una delle domestiche di famiglia, è anche diventata la prima donna indigena (e solo la seconda donna messicana) ad ottenere una nomination all’Oscar come miglior attrice. Un altro eccitante onore individuale per il film: una migliore attrice non protagonista per Marina de Tavira, che interpreta Sra. Sofía, la madre segreta di quattro e matriarca della famiglia.

Il miglior film straniero è una categoria da Oscar caldo quest’anno – Ecco cosa sapere

La nomination di De Tavira è una delle più grandi sorprese delle nomination agli Oscar di quest’anno. Sebbene sia apparsa in produzioni teatrali in Messico da anni, sembra che la 44enne attrice messicana stia finalmente iniziando ad attirare l’attenzione per le sue costumiste recitazione negli Stati Uniti. “Sono davvero, davvero grato che l’Accademia abbia avuto il tempo di guardare Sofía, perché non è un personaggio che spunta immediatamente”, ha detto Varietà. “Non è in superficie, è silenziosa, nasconde le cose, non avrei mai pensato che sarebbe successo”.

È interessante notare che de Tavira è l’unico attore in Roma con qualsiasi esperienza precedente. L’attrice non sapeva nemmeno inizialmente per cosa stava provando durante il processo di casting di tre mesi, non immaginando mai di essere stata una parte in un film di Alfonso Cuarón. “… Ho lavorato in cinema e in televisione in Messico, ma il mio lavoro è stato principalmente sul palco”, ha detto W Magazine, ma come ammiratrice da lungo tempo di Cuarón, sapeva che non c’era modo in cui lei potesse rifiutare il ruolo.

Leggi anche  Friendly PSA: Trader Joe's ha un nuovo gelato con proteine ​​per soli $ 2 a pinta!

Nato a Città del Messico, de Tavira proviene da una famiglia con radici nel teatro, quindi non sorprende che la sua carriera si sia sviluppata in gran parte sul palcoscenico messicano. È la nipote di Luis de Tavira, noto regista teatrale, e Rosa María Bianchi, un’attrice argentina nota per aver interpretato i panni di diversi telenovelani. Inoltre, i suoi cugini includono Falco il regista Julián de Tavira e il film e attore teatrale José María de Tavira. Dire che le esibizioni dello showbiz in famiglia sarebbe sicuramente un eufemismo.

Oltre a recitare in decine di opere teatrali, de Tavira è anche apparso in ruoli televisivi, tra cui Patricia Lieberman nel dramma politico messicano di Netflix Ingobernable e Carolina su Amazon Falco (sotto la direzione di suo cugino Julián). Tuttavia, assumere il ruolo di Sofía è stato un deciso cambio di passo per l’attrice e da allora Roma presentato in anteprima al Festival di Venezia del 2018, de Tavira ha trovato l’esperienza sia elettrizzante che estenuante. “È qualcosa che non mi sarei mai aspettato, mai immaginato, ma è stato davvero sorprendente e commovente”, ha spiegato Who What Wear.

Una volta conclusa la stagione dei premi, de Tavira ha rivelato che tornerà alle sue radici teatrali e sta lavorando a un’opera teatrale per “un cambio di ritmo e un cambiamento di stato mentale”. Anche se ha bisogno di una pausa da Hollywood, stiamo sicuramente sperando di non aver visto l’ultimo de Tavira sul grande schermo.

Fonte immagine: Getty / Michael Kovac