Tutto ciò che sappiamo su Carola Jain, il festival di Megainvestir Wrapped Up In Fyre

Quando si tratta del disastro del Fyre Festival del 2017, c’è molta colpa da fare. Quando il festival, pubblicizzato come un’élite, musica epica e festa dei social media per influencer e star allo stesso modo, si è rivelato un fiasco orribilmente organizzato al punto di essere una truffa, la maggior parte della colpa è caduta – giustamente – ai piedi di Billy McFarland, l’imprenditore le cui imprese incentrate sull’influenza lo avevano finalmente fatto entrare. Ma McFarland non ha finanziato personalmente il festival condannato; persone eminenti e benestanti versarono denaro nella sua idea e interagirono con lui e le sue imprese. Uno dei maggiori investitori? Carola Jain.

Jain (nella foto sopra, con McFarland, Jason Bell e Ja Rule nel 2016) è probabilmente un nome che non era familiare alla maggior parte degli spettatori che si sono sintonizzati su uno dei documentari appena usciti su Fyre Festival: Netflix’s Fyre: il più grande partito che non è mai accaduto e di Hulu Fyre Fraud. Un dirigente di marketing e la moglie di un manager di hedge fund di alto profilo, Jain è stato coinvolto con McFarland e compagnia proprio mentre il ronzio attorno a Fyre stava prendendo forma. Secondo a Vanity Fair L’articolo che ha sezionato l’intero fiasco, Jain ha investito una quantità enorme in Fyre.

Quanto è stato? Qualcosa per la cifra di $ 4 milioni. Il denaro fece di Jain uno dei principali investitori in Fyre Media, la compagnia che il Fyre Festival doveva essere una pietra miliare. Una volta che il festival è andato in discesa, tuttavia, Jain è diventato uno dei tanti investitori che hanno fatto causa a McFarland per le promesse non mantenute e i fondi utilizzati in modo improprio.

Leggi anche  Gypsy Rose From The Act sembra familiare perché l'HAI VISTO SICURAMENTE

Secondo Il guardiano, Jain era solo uno dei tanti che furono truffati da McFarland – anche se la mole del suo investimento la spinse in un campionato tutto suo. Oleg Itkin, un investitore di Manhattan, ha citato in giudizio un prestito di $ 700.000 che aveva fatto a McFarland dopo aver visto le proiezioni massicciamente gonfiate e falsificate, mentre Ezra Birnbaum e la sua compagnia, EHL Holdings, hanno intentato azioni legali per il loro prestito da $ 3 milioni. I $ 4 milioni di Jain li hanno superati tutti e il risultato di quel seme non è al momento noto.

Jain appare brevemente nel documentario di Netflix, ma non è identificata direttamente e non svolge un ruolo enorme nella storia. Il riferimento più chiaro a Jain arriva mentre le telecamere si trovano negli uffici di Fyre. Una donna bionda può essere individuata e viene definita “i soldi”. Jain non è estraneo al muoversi in ambienti di investimento di alto profilo, però. Suo marito, Bob Jain, è un agente di investimento di lusso presso la Millennium, una delle principali società di gestione degli investimenti globali, e ha trascorso quasi due decenni al Credit Suisse. Carola, nel frattempo, è il direttore marketing della Spartan Race, una compagnia di corse a ostacoli.

Può sembrare strano che qualcuno come esperto e finanziariamente colto come Jain sia stato coinvolto nell’intero programma del Festival di Fyre, specialmente considerando come l’operazione è andata in pezzi una volta avviate le indagini. Ma in un certo senso, il suo coinvolgimento va solo a dimostrare quanto l’azienda – e McFarland – fosse brava a dipingere un quadro roseo e come l’idea di investire in una nuova brillante idea ispiratrice “influencer” possa essere, anche per i più esperti gli investitori.

Leggi anche  Questo è come passare a prodotti di bellezza puliti, secondo Olivia Wilde

Fonte immagine: Getty / Amanda Gordon / Bloomberg