Tutti i diversi nomi (e soprannomi) che la regina Elisabetta II ha avuto

Per la maggior parte delle persone, il titolo “la regina” non può che evocare una sola persona: la regina Elisabetta II, il monarca di lungo regno del Regno Unito. Elizabeth II è un’icona, che rende facile dimenticare che è anche solo una persona come tutti noi. Una cosa che non ha in comune con il resto di noi, però, è l’enorme varietà di nomi, soprannomi e titoli che porta. Ecco una guida rapida:

Alla nascita, la regina fu battezzata Elisabetta Alexandra Maria. Il suo primo nome onora sua madre, la regina Elisabetta, la regina madre, mentre i suoi due nomi secondari fanno cenno alla sua bisnonna, la regina Alexandra, e alla nonna paterna, la regina Maria. Tecnicamente, ha un cognome di Windsor, ma i membri anziani della famiglia reale non usano cognomi. Invece, poiché suo padre era allora il Principe Alberto, duca di York, fu ufficialmente intitolata Sua Altezza Reale la principessa Elisabetta di York.

Quando suo padre divenne re Giorgio VI, mantenne lo stile di Sua Altezza Reale ma lasciò la “York”, diventando invece semplicemente la Principessa Elisabetta. Per alcuni anni, tra il suo matrimonio del 1947 con Prince Philip e il suo accesso al trono del 1952, aveva un titolo piuttosto ingombrante che includeva il suo titolo reale e il titolo ducale di suo marito: Sua Altezza Reale la Principessa Elisabetta, Duchessa di Edimburgo.

Una volta che George VI morì e Elisabetta divenne regina, la questione di ciò che avrebbe chiamata se stessa fu immediatamente sollevata. In alcuni casi, i monarchi non usano i loro nomi propri, ma invece prendono un “nome regale” che di solito è uno dei loro secondi nomi. Suo padre lo ha fatto: il suo vero nome era Albert, ma ha usato George, uno dei suoi secondi nomi, come nome regale per onorare suo padre, George V, e implica un senso di continuità e un ritorno alla stabilità dopo il regno breve e controverso di suo fratello, Edoardo VIII.

Leggi anche  Quante stagioni faranno le avventure tranquille di Sabrina? La risposta è un po 'confusa

Viene anche usato occasionalmente quando un certo nome diventa controverso per qualche motivo. Ad esempio, si dice che il principe Carlo non possa diventare Carlo III quando diventerà re, poiché quello era il titolo rivendicato da un infame “pretendente” scozzese al trono (Bonnie Prince Charlie, che è riconoscibile per straniero fan di sicuro). Elizabeth, tuttavia, mantenne decisamente il proprio nome, inutilizzato per una regina regnante da Elisabetta I nel 1500. Correttamente, ora viene indicata come Sua Maestà la Regina o Regina Elisabetta II.

Il soprannome più famoso della regina è “Lilibet”, che secondo come riferito ha pronunciato il proprio nome da bambino. La sua stretta famiglia, come i suoi genitori e sua sorella, la principessa Margaret, la chiamavano spesso così. Secondo Marie Claire, tuttavia, il principe Filippo le ha dato un soprannome che usa solo: “Cavolo”. Presumibilmente, è un gioco di parole dall’espressione idiomatica francese “mon petit chou” che si traduce direttamente come “il mio piccolo cavolo”. Il principe William, a quanto si dice, chiamò la regina “Gary” quando era un ragazzino, prima di prendere il comando di “Nonnina”, secondo il Mail giornaliera.

Il rovescio della medaglia, la regina Elisabetta II ha avuto almeno un soprannome che non è così lusinghiero. Come spettatori di La corona Ricorderà, Edward VIII (alias Edward, Duca di Windsor) e sua moglie, Wallis Simpson, avevano soprannomi dispettosi per i suoi familiari, che per lo più erano risentiti e antipatici. Le lettere pubblicate del duca e della duchessa rivelano che si riferivano a Elizabeth come “Shirley Temple”, presumibilmente come riferimento alla sua giovinezza e ai suoi capelli ricci. Se mai incontrerai la Regina, però, ci sono solo due nomi molto semplici da ricordare: “Vostra Maestà”, per la prima introduzione, e “Signora” più tardi nella conversazione!

Leggi anche  C'è un richiamo nazionale sui frutti venduti a Costco, Walmart e Aldi - Ecco il Lowdown

Fonte immagine: Getty / Max Mumby