Se sei confuso riguardo al selvaggio finale di Buzzsaw, leggi questo

Questo post contiene spoiler per Netflix Velvet Buzzsaw.

Se hai guardato Velvet Buzzsaw, il termine “artista torturato” potrebbe avere un significato completamente nuovo per te. Il nuovo film Netflix ha tutto: robot assassini, dipinti posseduti e Jake Gyllenhaal come un loquace e finto critico d’arte che potrebbe avere una scena fumosa o due. E, potremmo aggiungere, la sua miscela di slasher e auto-indulgenza rende un tesoro di esilaranti meme internet.

Dato che il film parla di arte intellettuale, può diventare estremamente veloce – non solo nei cavilli intellettuali tra i personaggi ma anche nel simbolismo criptico. Come, perché la vernice sfidare le leggi della fisica e strisciare su un corpo di donna e schiaffo un’impressione di lei su un murale dei graffiti? O perché Toni Collette ha un’amputazione di una gigantesca palla di metallo? Ecco le risposte a queste domande pressanti mentre districhiamo Velvet BuzzsawLa fine di Bonkers.

La premessa di base

Velvet Buzzsaw si concentra su un circolo d’arte di Los Angeles di curatori megalomani e orientati al profitto, galleristi e critici. Quando un uomo di nome Ventril Dease muore nel suo appartamento, un assistente di galleria di nome Josephina (Zawe Ashton) si intrufola nella sua casa e scopre che era un artista. Ruba i suoi quadri, sperando di trarne profitto. I suoi amici curatori e collezionisti diventano ossessionati dalla sua arte e sono desiderosi di incassare la sua scoperta.

Morf (Gyllenhaal), il critico con cui è coinvolta, ricerca Dease per un potenziale progetto di libro, apprendendo che l’artista ha avuto un passato travagliato, che include un fuoco sospetto che uccise sua madre e sua sorella, il suo omicidio di suo padre, e le sue lotte con malattia mentale come raffigurato nei suoi dipinti, che in parte consistono di sangue. Seguono una serie di morti raccapriccianti perché lo spirito malvagio proveniente dal lavoro di Dease può uccidere qualsiasi opera d’arte.

Leggi anche  Jonah Hill invia una risposta comprensiva a un troll Instagram

Quindi perché tutte quelle persone muoiono?

Le sue opere d’arte potrebbero essere grandiose, ma il film è sicuramente gore. Fondamentalmente, chiunque muoia è stato avido di arte e voleva capitalizzarlo per guadagno personale. Ecco una cronologia delle morti, nonché il motivo per cui accadono.

  • Bryson (Billy Magnussen), gallerista e aspirante artista, scompare dopo aver trasportato l’arte di Dease e aver cercato di nasconderne uno per sé. Si brucia accidentalmente mentre guida e finisce per essere risucchiato in un dipinto da alcune scimmie illustrate.
  • Jon (Tom Sturridge) è un gallerista che una volta scambiava letteralmente trash per l’arte. Vuole divulgare le informazioni su Dease, quindi uno dei dipinti lo fa impiccare.
  • Gretchen (Toni Collette), un curatore, espone il lavoro di Dease in una galleria della città, in modo che la città mostri la gigantesca sfera del suo cliente. È anche terribile con i suoi rapporti diretti e farà qualsiasi cosa per soldi. Una notte da sola, infila il braccio all’interno della sfera, sanguinando a morte. La gente pensa che il suo corpo sanguinante sia un’opera d’arte e, ironia della sorte, i successi dei social media della galleria aumentano dopo la sua morte.
  • Josephina, se ricordi, ruba e incassa i quadri. Non muore esattamente, ma dipinge su per il suo corpo e si scioglie intorno a lei, intrappolando il suo viso stordito su una parete murale.
  • Morf si rende conto che deve liberarsi dell’opera d’arte di Dease, assumendo l’assistente di Coco (Natalia Dyer) per aiutarlo. Mentre sta mettendo via i dipinti, un robot animatronic, un pezzo che ha demonizzato pubblicamente sul suo blog e così gli ha rubato l’esibizione, gli schiocca il collo.
  • Rhodora, il capo di Josephina, è originariamente desiderosa di ottenere un taglio del profitto del suo protetto dai dipinti di Dease. Quando i suoi colleghi muoiono, si libera di tutta l’arte nella sua casa. Ironia della sorte, ha un tatuaggio sul nome e sul logo della sua ex bandella sulla schiena. Lo spirito malvagio agisce attraverso il tatuaggio e lo incide su di lei. Oh bene.
Leggi anche  Michael Bublé viene spazzato via da questo fan dopo averle chiesto di cantare durante il suo concerto

Cosa dovremmo fare delle immagini alla fine?

Il film si conclude con un inquietante primo piano di un dipinto di Dease, che viene venduto da un senzatetto per le strade. Mostra due bambini che giocano in spiaggia durante il tramonto, forse un omaggio che l’artista paga a sua sorella. (O in alternativa, un sinistro cenno del capo che suggerisce che ha qualcosa a che fare con il fuoco che la uccide, dal momento che la palette di colori caldi fa quasi diventare i bambini inghiottiti dalle fiamme.)

Nei titoli di coda, Piers (John Malkovich), un artista che ha perso la sua magia per tutto il film, balla sulla spiaggia, scarabocchia nella sabbia e osserva le onde ingoiare la sua arte. Eppure, è felice e risparmiato da una morte cattiva perché la sua arte è autentica e pura.

Quindi eccoci qui, una farsa dell’horror d’autore che letteralmente parla di arte. Nel frattempo, lavoreremo sulla nostra pronuncia di “malinconia”, nel caso in cui Morf decida di perseguitarci attraverso il suo blog artistico o qualcosa del genere.

Fonte immagine: collezione Everett