O.G .: La storia dietro il film della prigione della HBO è davvero affascinante

Negli ultimi anni, la cultura pop ha visto il vero crimine dominare il genere di podcast, film e serie con opere come Seriale, American Crime Story, e The Staircase. Ma raramente il mondo ha visto un processo di produzione abbastanza coinvolto come quello del prossimo dramma della HBO, Autogol, che viene sparato all’interno di una prigione reale e protagonista di detenuti reali. A causa della trama rilevante e credibile, ti starai chiedendo se è ispirato a una storia vera. Prima del film e del suo documentario complementare (di più su quello che segue), ecco cosa devi sapere sulla sua storia e su un approccio pionieristico rivoluzionario.

Autogol NON è basato su una storia vera

Autogol Parla di Louis, un uomo incarcerato che una volta era a capo di una banda di prigioneri e ora attende il suo imminente rilascio dopo una condanna a 24 anni. Mentre Louis cerca di salvare un nuovo detenuto di nome Beecher dai guai, riflette sul suo crimine e sulle lotte della società rientrante. È protagonista WestworldJeffrey Wright è nel ruolo principale, il che gli è valso il premio come miglior attore in un film di narrativa statunitense al Tribeca Film Festival del 2018.

Autogol può sembrare vero per la vita, ma non si basa su un singolo evento o persona singolare.

La produzione è autentica come si ottiene

Mentre la trama è finzione, la produzione del film è reale come si ottiene. La regista di Emmy, Madeleine Sackler, ha girato il film all’interno di Pendleton Correctional Facility, una prigione di massima sicurezza in Indiana. Lì, ha lavorato con lo staff e i detenuti, i secondi dei quali sarebbero diventati i suoi attori sul set.

Leggi anche  Oscar Isaac conferma che Star Wars: Episodio IX è la fine ufficiale della saga di Skywalker

“Abbiamo sparato Autogol in cinque settimane, un giorno completamente chiuso fuori, ma siamo riusciti a rimediare di sabato “, ha detto Sackler in un’intervista Indiewire.

C’erano spesso problemi legati alla posizione, ma l’equipaggio si è adattato. Sebbene ci fossero degli ostacoli, il regista era sorpreso di quanto è stato approvato quando ha inviato le sue idee agli amministratori della prigione. “Durante la stesura della sceneggiatura, ho realizzato una ripartizione del foglio di calcolo di ogni scena e posizione, evidenziando nel foglio di calcolo qualcosa di speciale sulla scena”, ha affermato. “Ho quindi rivisto il foglio di calcolo con l’amministrazione della prigione, pensando che potremmo aver bisogno di tagliare il 30 percento delle cose e riscriverlo. Hanno approvato tutto, che è stato sorprendente ed eccitante.”

Il processo di realizzazione del film ha portato a un documentario

Sackler è entrato in produzione con l’intenzione di realizzare un filmato con script. Prima della produzione, ha insegnato un laboratorio di produzione cinematografica a 13 detenuti della prigione, alcuni dei quali sarebbero diventati attori di prima Autogol, incluso Theothus Carter (sopra, con Wright) nel ruolo di Beecher. Mentre hanno imparato a recitare, a montare e a girare film, gli uomini si sono intervistati e hanno deciso di voler fare un film insieme sulle loro storie.

La collaborazione si trasformerebbe nel documentario È una dura verità, no?. Il film riflette le circostanze e le scelte che hanno portato alla detenzione di questi uomini. Sackler lo ha codiretto con i suoi studenti e si è avvalso dell’aiuto di Yoni Goodman, che ha lavorato a sequenze animate per il documentario israeliano acclamato dalla critica Valzer con Bashir.

Leggi anche  Jussie Smollett risponde ai dubbi sul suo attacco: "Non vuoi nemmeno vedere la verità"

Se hai trovato affascinante il processo di produzione cinematografica di Sackler, sia la funzione che il documentario saranno disponibili per lo streaming il 23 febbraio su HBO.

Fonte immagine: HBO