Non crederai a Ted Bundy’s Kill Count inarrestabile – e non sapremo mai la figura esatta

La storia ospita una grande varietà di serial killer, con casi raccapriccianti e dettagli raccapriccianti che spesso fanno venire lo stomaco anche ai veri e propri veri e propri aficionados del crimine. Questo è assolutamente vero nel caso di Ted Bundy, il famigerato serial killer che ha terrorizzato il paese per diversi anni durante gli anni ’70. A differenza di alcuni criminali, Bundy ha apertamente confessato molti dei suoi crimini – ma la maggior parte degli esperti ritiene che il suo vero elenco di vittime sia molto più lungo di quanto non lo saremo mai sicuri.

Alla fine, Bundy ha confessato un totale di 30 omicidi, distribuiti in sette stati e circa cinque anni (tra il 1974 e il 1978). La notte prima della sua esecuzione, ha rivisto i suoi crimini ammessi con l’agente speciale dell’FBI William Hagmaier, che lo aveva intervistato frequentemente durante il periodo trascorso in prigione. Di quelle vittime, però, ne furono individuati solo 20; c’erano 10 vittime che Bundy si rifiutavano di identificare o non potevano perché non conoscevano la loro identità. Sono state identificate anche cinque vittime sopravvissute.

Tra gli omicidi che Bundy ha effettivamente confessato e che sono stati confermati dalla polizia, la prima vittima identificata è stata Lynda Ann Healy, una donna di Washington che è stata percossa, rapita e uccisa. Healy non è stata la prima vittima identificata di un crimine di Bundy, però: Karen Sparks è stata ugualmente colpita a mano e aggredita mentre dormiva, ma sopravvisse al suo attacco, anche se con ferite significative e permanenti.

Le vittime di Bundy erano per lo più ragazze adolescenti e giovani donne di circa 20 anni, anche se alcune erano persino più giovani. L’ultimo omicidio che ha ammesso, quello di Kimberley Diane Leach, è stato uno di quegli omicidi eccezionalmente orribili dovuti all’età della vittima. Leach, una ragazzina di dodici anni, fu rapita dalla sua scuola media della Florida nel 1978, e in seguito furono trovati e confermati come suoi.

Leggi anche  Facciamo un sacco, perché Jennifer Lopez è in tournée per il suo 50 ° compleanno!

I 26 migliori documentari True Crime attualmente in streaming su Netflix

A parte i crimini confessati da Bundy, è stato sospettato di essere il colpevole in molti altri casi, ma le prove non sono mai state sufficienti per collegarlo in modo affidabile a loro e lui non ha confessato – in effetti, in alcuni casi, ha negato specificamente il coinvolgimento. Le sparizioni di almeno altre 15 donne sono state collegate a Bundy, per lo più durante lo stesso periodo di tempo in cui la sua omicida follia è stata confermata, ma anche una manciata che si è verificata prima di allora. Tra questi casi non confermati, ma sospetti, molti sospettano di essere la prima vittima di Bundy: Ann Marie Burr, scomparsa all’età di otto anni nel 1961, quando Bundy aveva quattordici anni e la cui scomparsa implicava prove indiziarie che implicassero Bundy ma non era abbastanza per perseguirlo legalmente per il caso.

Le confessioni di Bundy hanno totalizzato 30 vittime, ma la maggior parte degli esperti ritiene di averne impegnato molte, molte di più. Bundy stesso spesso implicava nelle interviste di avere vittime di cui nessuno era a conoscenza, incoraggiò le speculazioni pubbliche e perfino diede diversi riscontri a diverse persone con cui aveva parlato. Le ipotesi popolari e informate hanno posto il numero di morti stimati a 100. A questo punto è abbastanza improbabile che avremo mai un bilancio assoluto delle vittime di Bundy, ma rimarrà sempre uno dei serial killer americani più infami per il puro crudeltà dei suoi crimini.

Fonte immagine: Getty / Bettmann