La vera storia dietro l’ultimo cattivo di Peaky Blinders, Oswald Mosley

0
1

Peaky Blinders sta finalmente tornando sui nostri schermi per la sua sesta e ultima stagione e, come al solito, la famiglia Shelby fa sul serio. Nella quinta stagione, tra gli altri avversari, Tommy e la sua famiglia hanno incontrato il controverso politico britannico Sir Oswald Mosley (interpretato da Sam Claflin). Sebbene la maggior parte dei personaggi di Peaky Blinders tenda a essere immaginaria, a volte gli scrittori inseriscono nella storia personaggi reali della storia. Mosley è uno di questi personaggi, una vera figura storica che ha guidato il movimento fascista antisemita della Gran Bretagna negli anni ’30. E grazie al trailer ufficiale rilasciato il giorno di Capodanno, sappiamo che tornerà al 100% per il finale della serie.

Il primo episodio della quinta stagione di Peaky Blinders è stato ambientato il 29 ottobre 1929, nel periodo in cui il vero Mosley era il cancelliere del Ducato di Lancaster, una tenuta privata di proprietà di Sua Maestà la Regina. In precedenza era il deputato per Smethwick, situato sul lato opposto di Birmingham dal terreno calpestato della famiglia Shelby di Small Heath. Il creatore di Peaky Blinders Steven Knight ha dichiarato a The Guardian: “Dato che abbiamo concluso l’ultima serie con Tommy Shelby che è stato eletto come politico laburista, sembrava inevitabile che entrasse in contatto con Mosley – ed è interessante considerare ciò che entrambi gli uomini potrebbero avere in comune e ciò che li distingue”.

C’è un museo nelle Midlands dove puoi seguire le orme dei Peaky Blinders

Come cancelliere del ducato di Lancaster, Mosley fu incaricato di trovare modi per risolvere la crisi di disoccupazione causata dal crollo di Wall Street, ma le sue proposte furono continuamente respinte, portandolo alle dimissioni. Una volta che Mosley lasciò il partito laburista, formò il New Party, prima di fondare la British Union of Fascists (BUF) nel 1932, “fondendo il suo programma economico con un esplicito antisemitismo”. Il suo partito ha guadagnato slancio rapidamente, e con il suo esercito di violenti combattenti di strada (noti come le “camicie nere”) e gli stretti legami con Hitler e Mussolini, Mosley è stato visto come una grave minaccia dalle autorità.

Leggi anche  Il primo trailer di Peaky Blinders per la serie 6 rivela che Tom Hardy tornerà nei panni di Alfie Solomons

Il 4 ottobre 1936, scoppiarono disordini nell’East End di Londra quando socialisti, antifascisti, ebrei e la grande comunità londinese si unirono per forzare una parata guidata da Mosley e dalla BUF. Conosciuti oggi come La battaglia di Cable Street, gli antifascisti ebbero successo, anche se in alcuni circoli fecero poco per intaccare la popolarità di Mosley. Fu la seconda guerra mondiale a mettere finalmente fine ai suoi piani, e fu internato nel 1940, prima di essere rilasciato nel 1943 a causa di una malattia.

Dopo la guerra, Mosley tentò senza successo di far rivivere il suo partito (presto ribattezzato Movimento sindacale) e fu costretto all’esilio in Francia nel 1951. Tuttavia, tornò otto anni dopo e si presentò per il parlamento – senza successo – in altre due occasioni. Durante quel periodo, Mosley e le sue camicie nere tentarono di tenere un altro raduno il 31 luglio 1962 a Ridley Road a Dalston, East London, dove avrebbe parlato a una folla dal retro di un camion. Una grande folla di antifascisti, tuttavia, si è radunata per protestare contro l’incontro ed è riuscita a buttare a terra Mosley. La polizia ha chiuso la riunione entro i primi tre minuti e ha effettuato 54 arresti, uno dei quali era il figlio di Sir Oswald Max (che alla fine sarebbe diventato il presidente della Fédération Internationale de l’Automobile, l’organo di governo della Formula Uno). Questi eventi sono stati recentemente descritti nella serie della BBC One Ridley Road, che era una storia d’amore immaginaria ambientata in questo periodo di tempo e descriveva le rivolte di Ridley Road.

Dopo il suo ultimo tentativo fallito di candidarsi al parlamento nelle elezioni generali del 1966, Mosley si ritirò in Francia. Morì a Orsay, in Francia, nel 1980, all’età di 84 anni.

Leggi anche  Il primo trailer di Peaky Blinders per la serie 6 rivela che Tom Hardy tornerà nei panni di Alfie Solomons

Fonte immagine: BBC

Articolo precedenteLa nuova storia d’amore di Colleen Hoover ti farà a pezzi e ti rimetterà insieme
Articolo successivoL’app di atterraggio ti aiuterà a creare splendide schede di visione per qualsiasi cosa tu possa pensare