La nuova commedia di Netflix Mamme che lavorano completano completamente la lotta per entrambi

Come adulto dipendente che alza anche un essere umano per la prima volta, dico fiduciosamente che questa nuova identità di mio – lavoratore che è responsabile di un’altra vita – è una svolta diversa da qualsiasi altra. Non è niente come essere al corrente di cose tradizionali per adulti, come l’appartenenza a un club del vino o il salvataggio di un cane. La grandezza emotiva di essere catapultati in un nuovo mondo pieno di richieste di vita o di morte è senza fine; non c’è giorno in cui il bambino ti guarda e dice: “Ehi, è sabato, ho capito”. E mentre il viaggio di ogni madre è diverso, ripristina la mia anima per vedere un po ‘di me ritratta in TV. Questo è esattamente come mi sono sentito dopo aver visto tre episodi della nuova commedia di Netflix, Mamme che lavorano.

I primi tre episodi toccano un certo numero di temi onesti che accadono alle mamme, e come qualcuno che sta vivendo la maternità per la prima volta, non ho potuto fare a meno di connettermi alle seguenti trame.

Il rientro al lavoro dopo il congedo di maternità è difficile

La prima volta che mamma Kate lavora in un’agenzia pubblicitaria, e mentre la natura apparentemente corporativa del suo posto di lavoro è diversa dalla mia, annuii quando vidi quanto fosse insicura al suo ritorno. Durante il suo primo giorno di ritorno potrebbe aver lasciato la sua flanella a casa e vestito la parte, ma quando ha trovato due nuovi assunti nella sua compagnia si potrebbe dire che ha perso la sua fiducia. La gente dice che ci vogliono alcune settimane per adattarsi al ritmo normale della vita lavorativa – certamente non mi sono sentito molto bene quando sono tornato – e ho apprezzato la sua lotta.

Leggi anche  Perché Iskra Lawrence vuole Instagram per sbarazzarsi di Mi piace

Quando la nuova mamma Jenny ritorna al suo lavoro IT dopo la sua pausa di 8 mesi, non si sente nemmeno pronta, dicendo che i soldati con PTSD hanno più tempo per riprendersi.

Il pompaggio del seno al lavoro è un disastro

Sono fortunato a lavorare in un’azienda che fornisce a tutte le mamme che lavorano un’adeguata privacy per pompare e conservare il latte materno, ma c’è un ineluttabile imbarazzo nei primi e nel dopo di tutto ciò che ho adorato vedere Kate passare attraverso (è il suo pompare in un stallo sopra). Nell’episodio 1 la vediamo mentre cammina nel corridoio con due bottiglie piene di latte materno. Potresti riuscire a pompare in privato, ma se stai per lavare quelle bottiglie sono fuori per tutti da vedere. Pompa durante il pranzo? Laverai quelle bottiglie mentre il tuo collega riscalda la zuppa al microonde. Kate non sa cosa fare con le sue bottiglie piene così le mette sulla scrivania, e poi si rovesciano, e poiché il latte materno è prezioso, usa le sue mani per rimetterlo nella bottiglia. Difficile non ridere di questa scena.

A nessuno importa del tuo programma, nemmeno della tua mamma

Quando Kate parte per il suo primo giorno, lascia un programma molto dettagliato per la tata Rebecca, una che include regole rigide che circondano cose come il pisolino e la formula. Non ci vuole molto perché lei spari la sua tata e si appoggi a sua madre per il supporto al servizio di assistenza. Ma allora cosa fai quando tua madre ignora il programma del tuo bambino? Le cose diventano reali quando Kate deve licenziare sua madre.

Leggi anche  Nikki Bella riferisce di aver avuto l'appuntamento con il dvd di DWTS "Artem Chigvintsev" in seguito a John Cena Split

Il postpartum arriva quando il leasing lo aspetta

Mentre è ambientato in un paesaggio comico, quando la nuova mamma Frankie rivela che potrebbe avere un postpartum nel suo gruppo di genitori, gli occhi del leader del gruppo si spalancano. Nell’episodio 3, Frankie si è messa in bilico in un posto molto buio mentre si trovava nel bagno con il suo neonato. Cerca aiuto grazie ad un duro amore da parte del suo partner, ed è una trama importante da evidenziare. Non tutti sono in grado di ottenere l’aiuto di cui hanno bisogno o possono dare un senso a ciò che stanno vivendo. A volte ci parliamo da quello che sentiamo e diciamo a noi stessi che tutto va bene, quando in realtà non lo è. È utile vedere come questo autogioco influisce sull’interpretazione delle madri di ciò che ci sta realmente accadendo.

Le mamme sono decisamente terrificate per rimanere di nuovo incinta

Scossi la testa quando la mamma di terza volta Anne venne a sapere che era di nuovo incinta. Non poteva neanche crederci, dicendo al dottore: “Puoi controllare di nuovo perché ho avuto un bambino 8 mesi fa, è ancora appena viva.”

Sono quasi a un quarto della serie e non vedo l’ora di vedere i momenti reali che lo spettacolo affronta.

Fonte immagine: Netflix