La meditazione del mattino mi ha ricordato quanto sia difficile essere un principiante

La mia mente è come una fermata del traffico a quattro vie. I miei pensieri combattono per l’attenzione all’intersezione senza alcun riguardo per le leggi del diritto di passaggio (o per le leggi in materia). Sono solo umano, ma trovare la chiarezza attraverso il caos sarebbe bello. Quindi, poiché la meditazione è stata a lungo usata come uno strumento per calmare la mente, ho pensato di fare un tentativo.

Casey Urban, un’insegnante di yoga con 10 anni di esperienza alle spalle, mi ha detto al telefono che, sebbene raccomandi ai principianti di iniziare con qualsiasi forma di meditazione, “in realtà faranno”, sia in classe che online, mattina la meditazione è la migliore È quando la tua mente è più chiara. “Non guardare il tuo telefono, non avere una lunga conversazione con il tuo partner, non accendere la TV”, ha detto. “Credo che aiuti anche l’abitudine, se lo fai solo per prima cosa la mattina, non importa cosa.”

L’istruttore di meditazione di Katy Perry spiega la scienza dietro la meditazione e la perdita di peso

Rachel Brathen, insegnante di yoga, autrice di best-seller e creatore della popolare comunità di Yoga Girl, mi ha detto che raccomanda ai principianti di iniziare con brevi sessioni di meditazione. Anche lei preferisce meditare al mattino, ma dice che la coerenza è la chiave. “Scegli un momento del giorno che funzioni per te e seguitelo: finché lo fai costantemente allo stesso tempo, sarà molto più semplice.”

C’è una lunga lista di benefici fisici e psicologici associati alla meditazione, ha detto Casey. Lei ha ragione. La meditazione è stata collegata alla riduzione dell’ansia, dello stress e del dolore, nonché alla riduzione della pressione sanguigna e del colesterolo. Oltre a ciò, Rachel ha parlato della meditazione come un “punto di riferimento per te” durante i tempi difficili. Quindi, ci sono andato.

Leggi anche  Odio quando i tuoi Avocado diventano marroni? Questo Hack di stoccaggio assicura sempre perfetti avocado

Qui non va niente: cosa ho usato

Essendo un principiante, sapevo che volevo usare un’app per la guida. Lo spazio di testa era uno che ho considerato, ma ho trovato l’uomo britannico dall’altra parte essere tutt’altro che incoraggiante (mi dispiace, Fred … se è il tuo nome). Invece, ho usato una meditazione guidata di 10 minuti all’inizio del podcast di Rachel, Dal cuore (numero 35 in questa lista).

Ho iniziato giovedì e terminai il giovedì seguente. Per otto giorni di seguito, ho ascoltato la voce rassicurante di Rachel discutere di creare spazio tra i tuoi pensieri e l’importanza di lasciare che il mio respiro fosse “quello che è già”. Non mi ha fatto pressione per inspirare, espirare o sedermi in un certo modo, ma mi ha sfidato a rispondere a domande del tipo: “Cosa ti ha portato la vita oggi?”

Durante la settimana lavorativa, mi sono alzato alle 5:45 per fare la meditazione guidata, che inizia al minuto quattro del podcast di Rachel e dura fino al minuto 14. Ero stanco? Ovviamente. Ne valeva la pena? Sì, e vedrai perché. Per quanto riguarda il fine settimana, meditavo ogni volta che mi svegliavo; tuttavia, guardando indietro, avrei dovuto essere più coerente. (Voluto tu mi sono svegliato alle 5:45 di sabato?).

Ho meditato per 10 minuti ogni notte per una settimana, e mi ha aiutato ad addormentarmi più velocemente

Tutta la verità: ciò che ho imparato

Da qualche parte nel retro della mia mente mi aspettavo di avere una svolta magica dopo soli otto giorni di meditazione. Invece, mi sono sentito frustrato quando non potevo rimanere rilassato. Non era un senso schiacciante di frustrazione, ma era abbastanza per attirarmi lontano dal mio respiro e verso i rumori intorno a me. C’era il russare implacabile del mio cane (credimi, è rumoroso), un’auto che parte fuori al freddo e il ronzio sommesso delle mie notifiche di FitBit.

Leggi anche  Pageing Dr. Shaun Murphy! Il buon dottore è stato rinnovato per la terza stagione

Casey, però, mi ha detto che questo diversivo è normale. “Le persone si svegliano presto per meditare e si sentono frustrate quando non riescono a concentrarsi sul respiro per tutto il tempo”, ha detto. “Ma ci vogliono anni, anni e anni per costruire una pratica forte e costante”. Uno dei suoi istruttori di meditazione preferiti, Tara Brach, PhD, descrive la tecnica del ritorno al respiro come un curl bicipite. Devi flettere questo muscolo di affilatura nel tuo obiettivo per diventare forte.

Passare attraverso questo è stato umiliante. Mi ha ricordato che l’abilità non ti verrà consegnata; hai bisogno di lavorare per questo, e iniziare qualcosa di nuovo richiede molto più pratica di quella che sei disposto a concedere qualche giorno. Avrai momenti in cui non sei sicuro della tua capacità di apprendimento e avrai difficoltà. Un sacco. Ma, come hanno detto sia Rachel sia Casey, si tratta semplicemente di mettere da parte il dubbio e fidarsi del fatto che troverai la tua strada. Perché crescere nella tua pratica, che si tratti di meditazione, allenamento per la maratona, o cucinare un pasto senza bruciare la maggior parte del suo contenuto, richiede tempo. E, finché ci provi, nulla, nemmeno la navigazione in un’intensa intersezione di pensieri, è tempo perso.

Fonte immagine: Getty / Jasmina007