La leggenda di Aladino originale è piuttosto il giro magico dei tappeti magici


Fonte immagine: Disney

La versione live-action del classico Disney Aladdin si avvicina di giorno in giorno e ulteriori dettagli vengono rilasciati costantemente – insieme a un trailer che ha un sacco di gente che ronza. Come la maggior parte dei film Disney, si basa liberamente su un racconto popolare secolare, ma quanto strettamente la versione di Disney trasmette all ‘”originale” – se ce n’è persino uno.

La storia originale di “Aladino” fa parte della famosa raccolta di storie arabe Mille e una notte, che è a sua volta parte di un racconto popolare dell’età dell’oro islamica nell’uno o nel quattordicesimo secolo. La leggenda narra che Scheherazade, una regina sposata con un re brutale, le salvò la vita per mille e un giorno raccontando al marito una storia ogni notte del loro matrimonio, ma finendo sempre prima della conclusione in modo che il re curioso non uccidesse sua; alla fine, vince il suo amore e la sua fiducia.

Tuttavia, “Aladdin”, a differenza di molti altri racconti della raccolta, in realtà non ha una chiara fonte di testo araba che può essere rintracciata. La sua prima apparizione è nella traduzione francese del XVIII secolo di Antoine Galland (che, a sua volta, attribuiva la storia a una tradizione orale di un narratore siriano). Ancora più sorprendente? Il racconto originale non è ambientato in Medio Oriente: è ambientato in Cina.


Illustrazione da un primo libro per bambini, data sconosciuta. Fonte immagine: Getty / Bettmann

Nella prima versione del racconto e nelle sue successive traduzioni dirette, Aladdin è un povero ragazzo che vive con sua madre quando viene reclutato da uno stregone nordafricano che sostiene di essere lo zio di Aladino.

Leggi anche  6 Alimenti Questo dietista raccomanda di aiutare a bruciare i grassi e costruire il muscolo - Stock Up STAT

È a questo punto che noteremo che questa prima storia è, per tutti gli standard, problematica. Come hanno notato gli studiosi, lo stregone nordafricano è ritratto come un “malvagio derviscio moresco” per l’innocente Aladino – e non aiuta che lo stregone non abbia nemmeno un nome.

Con la storia.

La vera motivazione dello stregone è ottenere che Aladino recuperi una lampada magica da una caverna nascosta, che solo Aladino (per ragioni sconosciute) può ottenere. Dà ad Aladino un anello magico come un talismano protettivo e lo manda in una grotta. Quando Aladino recupera la lampada – così come alcuni frutti dai giardini interni – lo stregone si arrabbia che Aladino ha bisogno del suo aiuto e non gli getterà la lampada, così lo intrappola nella caverna.

Aladdin rilascia inavvertitamente un genio dall’anello magico, che lo fa uscire dalla caverna. Più tardi, mentre lui e sua madre puliscono la lampada, appare un altro genio più potente. Aladdin inizialmente desidera solo che lui e sua madre non soffrano la fame, ma col tempo vende i piatti d’argento che il cibo del genio arriva e diventa ricco. Individua la principessa Badr al-Badour, la figlia del sultano, e si presenta come un pretendente. Il sultano le incrocia incrociate e cerca di sposarla con il figlio del suo visir, ma Aladdin e il genio interrompono il piano e convincono la principessa a sposarlo e vivono in un palazzo che il genio evoca.

Lo stregone sente la rapida ascesa e il ritorno di Aladino. Inganna la principessa a dargli la lampada e, come nuovo padrone del genio, gli ordina di trasportare il palazzo e tutti i suoi oggetti di valore nella sua casa in Africa. Aladdin convoca il genio dell’anello, che lo manda in Africa. pure. Aladdin e Badr al-Badour lavorano insieme per sconfiggere lo stregone. Anche quando il fratello del mago tenta di vendicarlo, Aladino sventa il piano e tutti vivono felici e contenti.

Leggi anche  Le cose lorde che possono accadere alla tua pelle quando fai la cera


Fonte immagine: Disney

È facile riconoscere alcuni degli elementi di Disney Aladdin in questa storia, ma la versione Disney condensa alcuni aspetti della trama e ne valorizza altri. C’è solo un genio e uno stregone nella versione Disney, e la principessa (ribattezzata Jasmine) è un personaggio a parte prima che lei e Aladdin si incontrino. E, naturalmente, due dei personaggi più amati della versione Disney non esistono nemmeno nel racconto popolare originale: il tappeto magico e il compagno scimmia di Aladino Abu.

C’è un elemento del racconto originale che non compare nella caratteristica animata della Disney – ma doveva. La madre di Aladino è un personaggio di spicco nel racconto franco-arabo, ma la versione Disney del personaggio è orfana. Nel trattamento originale di Howard Ashman, il paroliere e la mente dietro la maggior parte dei film di Disney Renaissance, la madre di Aladdin era viva, e Aladino aveva una canzone, “Proud of Your Boy”, che rivelava quanto voleva solo rendere orgogliosa sua madre . Una demo della canzone esisteva, ma è stata tagliata durante lo sviluppo; tuttavia, è stato ripristinato nell’adattamento del film del 2014 a Broadway. Non si sa ancora se questa canzone – o uno degli altri elementi tagliati – sarà presentata nel nuovo adattamento live-action di Aladdin, pronto per il rilascio il 24 maggio.

Fonte immagine: Disney