Il Trono di Spade: Se non hai sentito questa teoria dei sette peccati mortali, sei per un piacere

Con la premiere della stagione otto di Game of Thrones a pochi mesi di distanza, non c’è ancora molto tempo per teorizzare su come questa storia epica sta per finire. Per fortuna, ci sono ancora alcune teorie interessanti su internet che sono semplicemente intriganti e inaspettate e potrebbero finire per essere vere. L’utente di Reddit lobcity414 ha recentemente condiviso una tale teoria con i fan. Lo suggeriscono Game of Thrones è, in parte, un’allegoria biblica e che il Re della Notte potrebbe non essere il male supremo che pensiamo di essere.

Iniziamo dall’alto. Lobcity414 inizia la loro teoria affermando che ciascuna delle grandi case di Westeros rappresenta uno dei sette peccati capitali. Ora, c’è un dibattito sulle case menzionate nella teoria e su quale peccato dovrebbero rappresentare, ma il teorico le divide in questo modo: House Tyrell rappresenta l’avidità, House Baratheon è furia, House Targaryen è invidia, i Martell sono golosità, House Frey rappresenta la pigrizia, House Stark è l’incarnazione dell’orgoglio e, infine, House Lannister è lussuria.

Guardando indietro alla serie, si può fare un argomento per ognuna di queste correlazioni. Per esempio, l’orgoglio potrebbe essere visto come le più grandi cadute di Ned, Robb e Jon Snow. Ricorda, Ned muore perché si rifiuta di mentire sulla paternità di Joffrey, Tommen e Myrcella, anche se questo significa che potrebbe potenzialmente sopravvivere per i propri figli. Il suo desiderio di preservare il suo senso dell’onore a tutti i costi porta alla sua casa che si sgretola in sua assenza.

Aspetta – Il Trono di Spade ha ambientato Sansa e Gendry per tutto il tempo ?!

Leggi anche  La Bekah Martinez del bachelor è ufficialmente una mamma! Guarda le prime foto della sua bambina

Quale casa rappresenta quale peccato è solo una parte della teoria. La chiave di questa teoria è che ognuna delle grandi case di Westeros è corrotta in qualche modo. Sono tutti un’incarnazione del peccato, e gli antichi dei potrebbero essere in missione per sistemare le cose. La teoria suggerisce che il Re della Notte e il suo esercito non siano intrinsecamente malvagi. Invece, sono armi di distruzione esercitate dagli antichi dei, che non sono felici dello stato di Westeros. In più di un’occasione è stato affermato che gli antichi dei sono stati dimenticati al di fuori del Nord. Invece, le persone sembrano più inclini ad adorare i Sette o il Signore della Luce. Ciò rende tanto più interessante il fatto che la più grande minaccia per i Sette Regni provenga dalla parte più profonda del Nord.

Nella Bibbia, Dio manda una grande alluvione per annientare tutta l’umanità tranne che per Noè, la sua famiglia e gli animali che portano con sé sulla loro arca. Il Re della Notte e il suo esercito potrebbero essere la versione di Westeros del grande diluvio – una pulizia progettata per dare ai Sette Regni un nuovo inizio e riportare le restanti persone ai vecchi modi e ai vecchi dei. Non c’è dubbio che questa è una teoria cinica. Nel suo cuore, suggerisce che la natura imperfetta delle famiglie centrali è così grande che devono essere sradicati affinché il Westeros possa prosperare. Quel po ‘sembra inconsistente dal momento che lo show si basa sul fatto che nessuno è completamente malvagio o buono. Tuttavia, l’idea che il Night King non sia solo un cattivo, ma piuttosto un agente per qualcosa di molto più grande di quanto potremmo mai aspettarci, è intrigante.

Leggi anche  Prendi i tuoi costumi da bagno, Nazione di laurea! Bachelor in Paradise sta tornando per la stagione 6

Se la parte della teoria del Re della Notte si dimostra vera, allora Game of Thrones potrebbe essere diretto verso un finale più desolante di quanto pensassimo in precedenza. Dopo tutto, solo una famiglia è sopravvissuta all’alluvione biblica, e se la stessa cosa accade a Westeros, allora il destino dei Sette Regni sarà sigillato.

Fonte immagine: HBO