Il modo semplice in cui mio figlio si è unito a un bullo mi ha reso così orgoglioso di essere sua madre

Essere un bambino oggi è difficile. Nell’era dei social media, il bullismo è solo un clic o un commento di distanza. E spesso quando pensiamo ai bulli, è facile dimenticare che sono ancora solo bambini, quelli che probabilmente stanno attraversando qualcosa di difficile che li sta facendo agire. Come mamma, ho sempre detto ai miei figli di resistere ai bulli, anche quando non sono quelli presi di mira. E il mio tranquillo figlio ha recentemente trovato il coraggio dentro di sé per fare proprio questo, ma in modo gentile e gentile, e non sono mai stato più orgoglioso.

Mio figlio è tornato a casa da un giorno di prima elementare lamentandosi di un ragazzino della sua classe che stava facendo il prepotente e schernendo gli altri nel parco giochi. Il ragazzo continuava a correre verso gli altri ragazzi e pizzicandogli il petto, stringendoli e tirandoli finché non urlavano dal dolore. “Tette, tette, tette!” il bullo urlò più e più volte. Dopo alcuni giorni di questo accadendo di fila, mio ​​figlio finalmente mi ha detto cosa stava succedendo.

Questo Padre ha trascorso un pomeriggio con il bullo di suo figlio, e la storia ti distruggerà assolutamente

Mio figlio è rimasto calmo e ha trattato il ragazzo come persona – non solo un bullo.

Non solo dovevo spiegare a mio figlio quali fossero le “tette”, dovevo anche spiegare come questo termine possa essere incredibilmente degradante per le ragazze e le donne. “Non lo sapevo, mamma!” disse mentre i suoi occhi si riempivano di lacrime. Pensava di essere nei guai perché lo aveva ripetuto, ma l’ho immediatamente rassicurato che non lo era. “Lo so, tesoro,” dissi, “sono solo contento che tu me l’abbia detto così da poter avere questa conversazione.”

Leggi anche  Sophie Turner spiega perché lei pensa che Game of Thrones di Fans Backlash sia "irrispettoso"

Quella conversazione si è poi trasformata in una questione di fronteggiare i bulli e come si presenta. Dopo avergli detto di cercare l’adulto più vicino per aiutare a disinnescare la situazione, l’ho anche incoraggiato ad agire lui stesso. “Se questo ragazzo dice e lo fa di nuovo, anche se non sei tu, puoi dirgli di smettere.” “OK, mamma,” disse. “Fatto.”

Onestamente non pensavo che avrebbe detto qualcosa al ragazzo, perché mio figlio è spesso molto riservato e tranquillo. Non gli piace mescolare la pentola né gli piace essere al centro dell’attenzione, ma dopo la scuola del giorno dopo, mi ha detto cosa era successo. “Mamma, ho detto al ragazzo che doveva smettere di dire quella parola perché era irrispettoso verso le ragazze, ma non ero cattivo con lui,” disse.

Ero abituato a essere un bullo, ma avere i ruoli invertiti cambiava tutto

Dopo aver chiacchierato di più, ho scoperto che mio figlio rimaneva calmo e trattava il ragazzo come una persona – non solo un bullo. Invece di vendicarsi con parole più offensive o violenze fisiche, mio ​​figlio gli spiegò come e perché le sue azioni stavano ferendo i sentimenti delle persone. E il bullo arretrò.

Mio figlio mi ha insegnato una grande lezione quel giorno. Mentre gli avevo semplicemente detto che avrebbe dovuto difendere gli altri ogni volta che avrebbe dovuto farlo, lo ha fatto con gentilezza. Come genitori, spesso ci dimentichiamo di farlo perché siamo così irritati (spesso giustamente) che il nostro bambino è stato vittima di bullismo, ma le azioni di mio figlio mi hanno ricordato che dietro ogni parola cattiva c’è un bambino. Sono orgoglioso di mio figlio per aver difeso il bullo nel modo in cui lo ha fatto. Mi ha ricordato che possiamo sempre imparare qualcosa dai nostri figli se ascoltiamo abbastanza da vicino.

Leggi anche  Sì, un film sulle mestruazioni Hai appena vinto un Oscar: ecco perché è così importante

Fonte immagine: Pexels / Pixabay