Ho monitorato i miei umori ogni giorno per un anno, e questo è quello che ho imparato da me come genitore

A un certo punto del 2017, sono caduto in una tana del coniglio di Pinterest che mi ha convinto che un diario di proiettili avrebbe cambiato la mia vita. Non è stato così, ma mi ha dato un modo nuovo e interessante per tenere traccia di cose come le finanze, quanti (e quali) libri ho letto, obiettivi personali e priorità alle mie liste di desideri per il miglioramento della casa. La cosa più interessante che ho seguito, tuttavia, erano i miei stati d’animo.

A partire dal 1 ° gennaio, ho seguito diligentemente i miei stati d’animo su un grafico con codice colore alla fine di ogni giornata. Ho tenuto traccia di quando ero irritabile, malato, esausto, triste, sopraffatto, annoiato, felice, contento o lamentoso. Sapevo già di essere generalmente una persona piuttosto felice, ma alla fine dell’anno, quando guardai i blocchi colorati, in realtà imparai una lezione preziosa su chi sono genitore.

Amo Marie Kondo, ma quel metodo di piegatura NON è sostenibile con i bambini

Ho seguito diligentemente i miei stati d’animo su un grafico con codice colore alla fine di ogni giornata. Ho tenuto traccia di quando ero irritabile, malato, esausto, triste, sopraffatto, annoiato, felice, contento o lamentoso.

Mi aspettavo che l’anno scorso fosse difficile. Mia figlia era uno stereotipo di teologo quando abbiamo portato a casa non uno ma due nuovi bambini pochi giorni prima dell’inizio del nuovo anno. Ero preparato per notti insonni, mattinate stressanti e intensi sentimenti di inadeguatezza mentre tentavo di stabilirmi nella nostra nuova vita di famiglia di cinque persone.

A quanto pare, è stato persino più difficile di quanto avessi previsto. Mentre uno dei miei gemelli mangiava bene, dormiva come un campione, e si accontentava di osservare il mondo dal suo altalena o tappetino da attività, sua sorella urlava ogni volta che la mettevo giù. Nel mio tracker, la prima metà di gennaio è una fila di scatole blu. C’era una scatola blu nel giorno in cui ho preso in braccio il mio bambino che improvvisamente si è sentito così grande. Ce n’è uno per il giorno in cui ho passato due ore a singhiozzare perché non riuscivo a ricordare l’ultima volta che mi ero fatto la doccia, e un altro il giorno in cui mio marito è tornato al lavoro e mi sono sentito come se non potessi farlo. Ma il 14 gennaio, le scatole blu sono state sostituite da quelle rosa, a indicare che ero sereno, felice e contento. C’era una settimana di scatole rosa che sono state sostituite da una settimana di scatole viola. Ero felice e produttivo, dimostrando che potevo vincere a tutta questa mamma di tre cose, anche se solo sporadicamente.

Leggi anche  Sembra che la tipica colazione di famiglia di Ciara includa uova con un lato di ballo

No, Andare al negozio di alimentari da me stesso non si qualifica come “Me Time”

L’anno successivo non è diventato molto più facile. Uno dei miei bambini non ha dormito tutta la notte fino al suo primo compleanno, e quando i gemelli sono diventati mobili e hanno cominciato a chiedere più attenzione, il comportamento di mia figlia maggiore è diventato più difficile. Il mucchio di bucato è cresciuto più in alto, i pasticci sono diventati più disordinati e il tempo è diventato più difficile da gestire. Ci sono stati giorni in cui ho fatto uno sforzo concertato per ottenere tutto mentre i miei bambini si intrattenevano da soli. Poi ci sono stati giorni in cui ho guardato il casino, ho alzato le mani, detto f * ck, e ho giocato con i miei bambini. Quei giorni, quando la casa era in disordine e la mia cena preparatoria consisteva nel chiamare in un ordine che mio marito potesse riprendere mentre tornava a casa dal lavoro, erano i miei più felici. Passare del tempo con i miei figli e dedicarmi davvero a loro, mi porta più gioia di quanto una casa immacolata possa mai avere. Ospitare una data di gioco di successo, fare un giro in biblioteca o guardare le mie ragazze scoprire qualcosa di nuovo nel museo dei bambini sono le cose che mi fanno sentire più produttivo. Ecco quando mi sento una brava mamma. In quel momento mi sento come se stessi vincendo.

La maggior parte del 2018 è rappresentata da scatole rosa e viola. Ho imparato che amo abbracciare il caos. Il giorno più pazzo e più i ragazzi sono esausti, più io sono felice. Ogni tanto ho ancora giorni in cui penso che potrei perderlo, e finisco la giornata con un bicchiere di vino, grato per il fatto che non ci siano state vittime. Ma so anche che un giorno, non avrò il mio dolce piccolo bambino aggrappato alla mia gamba mentre cerco e preparo la cena o far saltare sotto la doccia il mio bambino di 4 anni con me (non invitato) e successivamente a mangiare tutta l’acqua . Un giorno, la mia casa sarà tranquilla. E ho la strana sensazione che in quei giorni, il mio umore sarà costantemente blu.

Leggi anche  La ballerina Alison si sta preparando per la sua dieta, la sua routine di esercizi e perché ama essere nera

Fonte immagine: Unsplash / Xavier Mouton Photographie