Glass è REALMENTE l’universo dei supereroi di Fine Night di M. Night Shyamalan? Investigiamo

Attenzione: grandi spoiler per il finale di Bicchiere sotto!

Bene, gente, il film finale in Eastrail 177 Trilogy di M. Night Shyamalan, Bicchiere, è arrivato, e abbiamo alcune domande. Per esempio, che cosa rende Casey (Anya Taylor-Joy) in grado di pensare di uscire con Kevin Wendell Crumb (James McAvoy) di nuovo sarebbe una buona idea? Perché David (Bruce Willis) non porta mai con sé un boccaglio? E perché, perché oh perché, Sarah Paulson lasciò che qualcuno le tingesse i capelli con quella particolare sfumatura arancione ?!

Anche se non abbiamo le risposte a queste domande e probabilmente non lo faranno mai, c’è una cosa che possiamo rispondere per te: lo è Bicchiere in realtà la fine della trilogia di Shyamalan o è un altro film in lavorazione? Al momento, lo stesso regista ha affermato che sì, la serie Eastrail 177 è finita. Per sempre.

Vetro: una risposta senza spoiler per decidere se attendere una scena postcredit

Shyamalan ha recentemente detto Avvoltoio questo, tecnicamente, l’universo che ha creato “potrebbe” continuare, ma ha anche notato che non ha piani per un’altra puntata della serie. “Non è interessante per me, non c’è pericolo in questo, o non c’è abbastanza pericolo, diciamo così”, ha detto di creare un intero universo cinematografico basato su Bicchiere, Diviso, e Infrangibile. “Non lo stiamo facendo, però … Ho i diritti di sequel per la maggior parte dei miei film, essenzialmente per il motivo di farlo non fallo. “

Shyamalan ha sperimentato un’ondata di buona volontà a Hollywood dopo il successo del suo film horror del 2015, La visita, che ha seguito con il 2017 Diviso, un film horror efficace e agghiacciante con McAvoy nei panni di Crumb, un uomo con un disturbo dissociativo dell’identità che lotta per mantenere sotto controllo tutti e 23 (è vero, 23) le sue personalità selvaggiamente diverse. L’ultimo minuto del film finisce per rivelarlo – sorpresa! – Diviso si svolge nello stesso universo dell’incredibile incursione di Shyamalan nel genere supereroe dell’uomo di tutti i giorni, 2000 Infrangibile. Questo è ciò che ha reso i fan di Diviso così eccitato per quest’anno Bicchiere, che collega i personaggi principali e gli eventi nei due precedenti film – Crumb, David Dunn e Mr. Glass (Samuel L. Jackson) – per uno scontro contorto.

Leggi anche  Questo è il momento esatto che Mark Ronson e Lady Gaga hanno saputo che "Shallow" sarebbe stato un successo

Bicchiere non ha una scena postcredit, che supporta ulteriormente l’affermazione del regista secondo cui la trilogia è davvero finita. Ma poi di nuovo, così molti punti della trama sono lasciati in aria quando il film finisce. Shyamalan introduce un’intera sottotrama sul personaggio di Paulson, la dottoressa Ellie Staple, che lavora per una nefanda organizzazione governativa che elimina i supereroi con ogni mezzo necessario all’ultimo minuto, per esempio. (Shyamalan ingrandisce deliberatamente tutti i tatuaggi a tre foglie del trifoglio dell’organizzazione, che quasi urlano “Non ti preoccupare, CI RAGGIUNGEREMO IN QUESTO NEL SEQUEL!”) E poi c’è la questione di Casey (insieme a David figlio e madre di Mr. Glass) che pubblicano filmati di David e la Bestia che vanno testa a testa, che presumibilmente risveglieranno i superpoteri nelle persone in tutto il mondo in qualche modo?

Inutile dire che sembra che Shyamalan lasci deliberatamente la porta aperta per altre storie alla fine di Bicchiere, non importa quante volte lui ripeta, non farà un altro film in questa serie. Come può qualcuno che ha aspettato decenni letterali per portare questa trilogia sul grande schermo a concludere così tante cose ?! Ha avuto tutto il tempo per formulare un finale concreto per la saga di David, Crumb e Mr. Glass. Questo è quello che fa sembrare, se il film riesce al botteghino, uno spinoff è nel nostro futuro. Che sia Casey o uno dei nuovi supereroi che realizza i loro poteri dopo aver visto il live stream di Mr. Glass. . . beh, dovrai chiedere a M. Night Shyamalan di questo.

(Ancora.)

Fonte immagine: collezione Everett