Ecco perché i dietisti non consigliano la dieta Whole30 o addirittura la considerano sicura

Probabilmente conosci qualcuno che ha provato la dieta Whole30, che sia la tua amica che ha postato le foto della sua perdita di peso su Instagram oi tuoi colleghi che hanno scambiato ricette e idee nella stanza della pausa, mentre il resto di voi ha invaso l’ultimo bagel. Ma solo perché una dieta è popolare non significa che sia salutare o giusto tu. Abbiamo chiesto ai dietologi alcune delle domande più frequenti su Whole30 e le loro risposte potrebbero sorprendervi.

Back Up, What Exactly Is Whole30?

Mentre molte persone perdono peso su Whole30, questo non è lo scopo della dieta. “Whole30 è un piano dietetico progettato per aiutarti a ripristinare le abitudini alimentari e cambiare la tua salute”, ha detto a fafaq Kaley Todd, MS, RD, nutrizionista di Sun Basket. Per raggiungere questi obiettivi, segui una rigorosa dieta in stile eliminazione che non ammette cereali, latticini, legumi, soia, zuccheri aggiunti o dolcificanti. Questo dura – l’hai indovinato – 30 giorni.

“Il periodo di eliminazione è seguito da un processo di reintroduzione in cui gli alimenti eliminati vengono gradualmente aggiunti alla dieta, prestando particolare attenzione a come influiscono sull’umore, appetito, energia, sonno, digestione, composizione corporea, prestazioni atletiche e qualsiasi altro sintomo “, Ha spiegato Kaley.

Un pullman Whole30 condivide la cosa che devi sapere prima di affrontare questo piano

Whole30 è davvero buono per te?

In teoria, sarebbe – uno degli obiettivi è quello di eliminare gli alimenti che causano l’infiammazione nel corpo, che nel tempo può portare a malattie come il diabete e l’obesità. Ma non tutti gli alimenti che sono limitati sulla dieta sono considerati alimenti pro-infiammatori, Maya Feller, MS, RD, CDN, proprietario di Maya Feller Nutrition, ha detto fafaq. Ad esempio, i piselli vengono eliminati perché sono considerati legumi, ma non esiste alcuna ricerca a supporto dell’idea che causino infiammazione nel corpo. In realtà, è vero il contrario. Uno studio pubblicato nel British Journal of Nutrition trovato che il magnesio nei piselli può aiutare con l’infiammazione e la malattia e gli antiossidanti nei piselli hanno un effetto prebiotico nell’intestino crasso.

Leggi anche  This Is Us: The Young Big Three Sembra così cresciuto in questa foto, non so come affrontare

Molti degli altri alimenti ristretti (come i cereali integrali) hanno elevate quantità di fibre, proteine, vitamina E, ferro e folati, e questi sono tutti i nutrienti che dovremmo avere nella nostra dieta, ha spiegato Kaley. “A meno che tu non abbia un’allergia specifica, non c’è motivo di escludere questi cibi dalla tua dieta, e così facendo potresti derubare il tuo corpo di nutrienti essenziali”, ha detto. Maya ha accettato, sottolineando che dovrebbero esserci sintomi prima di iniziare a rimuovere cibi sani dalla dieta. “Per i miei pazienti con sensibilità alimentare, non raccomando mai ciecamente di eliminare i cibi senza prove”, ha detto.

E quello potrebbe essere il punto più importante di tutti. Mentre Whole30 è simile a una dieta di eliminazione che il medico potrebbe raccomandare – entrambi durano circa un mese prima di reintrodurre lentamente gli alimenti nella speranza di individuare quelli (se ce ne sono) che causano sintomi come il gonfiore – non dovresti farlo da solo. “Una corretta dieta di eliminazione dovrebbe sempre essere monitorata da un professionista della salute”, ha detto Kaley.

Quindi, dovresti provare Whole30?

Ci sono alcuni aspetti positivi di Whole30 che dovresti incorporare nella tua dieta se decidi di fare il piano di eliminazione completa o meno. “Whole30 enfatizza il consumo di cibi integrali senza zuccheri aggiunti ed evitando gli alimenti trasformati”, ha detto Kaley. Il piano incoraggia anche la lettura delle etichette in modo da avere una migliore comprensione di ciò che stai mangiando, che è qualcosa che dovresti mirare a fare anche quando non stai facendo la dieta.

Ma mentre Whole30 può aiutarti a “resettare” le tue abitudini alimentari se ti ritrovi a contare su cibi lavorati e troppo zucchero, né Maya né Kaley credono che questo sia un piano nutrizionale per le masse. “Se un individuo non ha allergie alimentari, penso che un reset non debba eliminare cereali integrali, latticini e legumi e possa avere un approccio più equilibrato”, ha detto Kaley.

Leggi anche  Preparati ad essere completamente ipnotizzato da questo delicato video di nascita in cesareo

Fonte immagine: Pexels / Wendy Wei