Come l’esperienza di una donna con il colorismo ha catalizzato un impero di bellezza

Fonte immagine: Kim Roxie

Troppo spesso, le migliori storie di bellezza non si esauriscono, basate esclusivamente sul colore della pelle, sulla religione, sull’espressione di genere, sulla disabilità o sul socioeconomia di una persona. Qui, stiamo passando il micro il mondo in meglio. Successivamente: Kim Roxie, fondatore e CEO di Lamik Beauty e Esthetista autorizzato.

Sono cresciuto a Houston e da bambino ero circondato da una cultura in cui il colorismo era evidente. Gli atteggiamenti per quanto riguarda la bellezza nella musica, nella cultura pop e proprio dove sono cresciuto, erano molto distorti verso l’idea che la pelle più chiara fosse solo più bella. I miei genitori hanno protetto me e le mie sorelle, sollevandoci per sapere che la pelle scura è bellissima. Quindi, sapevo che l’atteggiamento della “luce è giusta” non era vero. Ma quel messaggio è stato pervasivo e ha avuto un impatto enorme su di me.

Quando i miei genitori mi hanno portato ad Atlanta nei college in tournée, ho visto così tanti neri che si amavano ad alta voce, indipendentemente dal tono della pelle. Sapevo allora che dovevo arrivarci in qualche modo. Quindi, ho scelto di andare a scuola alla Clark Atlanta University. Mentre ero lì, dovevo trovare un lavoro perché non potevo permettermi di frequentare la scuola senza lavorare. Quando ho fatto domanda per un lavoro, l’unico posto che mi ha richiamato era un contatore di trucco. Non avevo mai truccato prima, ma erano la mia unica offerta, quindi dovevo presentarmi. Questo è davvero dove ho avuto la mia prima esperienza nel settore della bellezza.

Dopo alcune settimane di lavoro al bancone, il mio manager è venuto da me e mi ha chiesto cosa stavo dicendo ai miei clienti. Ero confuso, quindi le ho chiesto cosa intendesse e lei ha detto: “Stai vendendo più trucco di chiunque altro nel negozio. Compresi me.” È allora che l’ho reso conto

Mi ero innamorato non solo del trucco, ma di far sentire bene le persone con se stesse.

Ero bravo nel mio lavoro non perché il trucco mi ha permesso di avere conversazioni con persone che non sarei mai stato in grado di farlo altrimenti. Quando avevo finito con un cliente, di solito acquistavano tutto ciò che mi consigliavo, il che era un vantaggio.

Leggi anche  Come una donna ha deciso di cambiare il volto del settore della fragranza

Mentre mi avvicinavo alla laurea, quando le persone continuavano a chiedermi quale esperienza di tirocinio avevo. Potevo solo elencare il mio lavoro al bancone perché mi piaceva così tanto il mio tempo lì, sono rimasto lì per tutta la mia carriera universitaria. Quando il mio manager venne a conoscenza del mio dilemma, mi suggerirono di aprire un contatore di trucco a Houston. Perché avevo già avuto così tanto successo ad Atlanta. Quindi, è quello che ho fatto.

Così tante esperienze mi hanno portato dove sono ora, dal mio chimico che mi ha ascoltato di dover contrattare i prezzi di produzione a una convenzione, al tutoraggio da parte di persone come Cathy Hughes. Ma merito davvero a mia madre e alla convinzione delle mie sorelle in me per avermi aiutato a rimanere il percorso. Quando sono tornato a Houston dopo aver completato il college per aprire il mio primo negozio, mia madre mi ha dato $ 500 per iniziare la mia attività. In realtà ha finito per morire dal cancro al seno metastatico. Ho avuto un’autostima molto bassa oltre a soffrire la sua scomparsa, ma ho avuto un momento in cui mi sono chiesto: “Perché stai aspettando che qualcuno venga e faccia qualcosa che sai davvero come fare, così bene?” Mia madre credeva in se stessa come nessun altro. Avrebbe messo il trucco per il trucco per andare a lavorare presso l’ufficio postale. Quando ho pensato a lei e alla fiducia che possedeva, sapevo che avrei potuto superare le mie paure per il processo e creare la mia linea di cosmetici.

Il negozio che ho aperto a Houston è stata la mia prima vera avventura nell’imprenditorialità e mi ha insegnato tutto quello che so oggi. L’ho gestito nei miei 20 e nei primi anni ’30 e mi piace dire che i miei clienti mi hanno cresciuto. Le donne nere erano il 75 percento della mia base di clienti, quindi ho davvero conosciuto il mio pubblico principale. A causa di questa esperienza, oggi sono estremamente responsabile nei confronti dei miei consumatori: il loro feedback e le loro raccomandazioni sono ciò che mantiene la mia azienda operativa. Per loro, faccio tutto con intenzione quando si tratta di Lamik.

Leggi anche  Gli algoritmi di intelligenza artificiale di bellezza sono carichi di pregiudizi: questo scienziato informatico vuole cambiarlo

Lamik sta per amore e trucco nella gentilezza. È un acronimo e un’affermazione.

Mi piace dire che l’amore e la gentilezza sono il tuo vero trucco, perché credo davvero che la bellezza sia rivelata e non applicata.

Volevo che ogni aspetto della mia azienda fosse intenzionale e solo dicendo il nome, spero che le persone possano capire che la bellezza è più che la pelle profonda.

L’eredità di mia madre è il motivo per cui è stato importante per me avere una linea di bellezza pulita in particolare. Quando è morta di cancro al seno, ho iniziato a guardare i prodotti di bellezza e ho iniziato a vedere così tanti prodotti chimici e altri ingredienti che erano legati a problemi di salute. Quindi, quando ho esaminato le linee di bellezza pulite preesistenti, sembrava che “Clean” fosse solo un’altra parola per il bianco; C’erano, il più delle volte, nessun colore che corrispondesse alle persone con il tono della mia pelle. Così è diventata la mia missione rendere diversi e colorati cosmetici nello spazio di bellezza pulito.

Fonte immagine: Kim Roxie

Con Lamik, voglio che le persone capiscano che quando dico che mi trucco con le donne di colore in primo piano, questo comprende ogni tono della pelle. Altre linee di bellezza pulite usano dichiarazioni generali che implicano l’inclusività, quindi procedono a lanciare prodotti che non potrebbero mai adattarsi al tono della mia pelle. Lamik capisce che l’ombra varia per le donne di colore può variare dalla più bella a quella delle tonalità più profonde. Ogni volta che ottengo un respingimento su questo, penso a un momento in particolare che mi fa costantemente sapere che sto andando nella giusta direzione. Una donna è diventata virale su Internet perché ha creato un video dopo essere andato a Ulta per fare il trucco: non potevano abbinare la sua fondazione. Era giustamente arrabbiata, quindi le ho contattato per impostare un servizio fotografico e un restyling, e siamo rimasti in contatto. Quando ho vinto una competizione nazionale di bellezza, una parte del premio è stata in grado di lanciarsi su Ulta Beauty. Abbastanza divertente, la stessa donna ha finito per accettare di far parte della mia campagna. Di conseguenza, sono finito su Ulta.com.

Leggi anche  Come una donna ha deciso di cambiare il volto del settore della fragranza

Case come quella spesso mi fanno sapere che sto facendo il lavoro che ero destinato a fare. Tuttavia, non vedo l’ora che l’industria della bellezza abbia più colore. Orgoglioso come noi per essere il primo marchio di trucco pulito e di proprietà dei neri da lanciare su Ulta.com, il fatto che abbiamo appena rotto questa barriera nel 2022 è tutto sbagliato nell’industria della bellezza nel suo insieme. Il mio obiettivo in questo spazio è non solo rendere l’industria della bellezza più equa a tutti i livelli, ma anche di rendere così normalizzata la diversità nello spazio di bellezza pulito che diventa qualcosa a cui le persone non devono pensare, ma invece, venire a aspettare.