Ant-Man e Wasp sono ora su Netflix, quindi puoi finalmente imparare che cos’è il regno quantico

Per tutti quelli che hanno guardato Vendicatori: Infinity War ininterrottamente da quando è finalmente caduto su Netflix, mettere giù il telecomando. Smettila di immedesimarti in quel turbamento emotivo. Invece, scegliere un’alternativa spensierata che è destinata a far scorrere il tuo succo in preparazione per i rilasci di Capitan Marvel e Vendicatori: Endgame entro quest’anno. Giusto – Ant-Man e la Vespa è stato finalmente rilasciato sul servizio di streaming ed è ora di fare sul serio!

Mentre il follow-up del superhit del 2015 Uomo formica non è direttamente correlato agli eventi che scendono in guerra infinita, il film fa cadere alcune pietre preziose in relazione al quadro generale di ciò che potrebbe accadere nelle prossime puntate. Tutte le domande lasciate da guerra infinita sembra avere una risposta che coinvolge il viaggio nel tempo, e sappiamo tutti che le avventure di Scott Lang e Hope van Dyne si dileguano pesantemente in quella particolare area. Non abbiamo idea di quanto il reame quantico possa influenzare la trama di Fine del gioco e oltre, ma non c’è mai nulla di male nel rivedere il film alcune volte per cercare qualche indizio!

Mentre i fan della Marvel stavano aspettando Ant-Man e la VespaOltre alla coda di Netflix, viene di pari passo con una brutta notizia. Con la Disney che distribuisce il proprio sito di streaming nel 2019, significa che questo sarà l’ultimo titolo Marvel per il debutto su Netflix. Al momento della pubblicazione, ci sono attualmente altri quattro film Marvel in streaming su Netflix: Guardiani della Galassia Vol. 2, Thor: Ragnarok, Pantera nera, e Vendicatori: Infinity War. Ant-Man e la Vespa ha circa un anno e mezzo online prima che si trasformi in polvere, ma gli altri film verranno rimossi prima piuttosto che dopo. I fan dovrebbero sicuramente approfittare del più presto possibile della formazione Marvel-ous (vedi cosa ho fatto lì?)!

Leggi anche  L'unica cosa che non dirò mai a mio figlio

Fonte immagine: collezione Everett